Aosta celebra i suoi 2047 anni nel segno del solstizio d’inverno

4' di lettura 11/12/2022 - L’Assessorato dei Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio comunica che nelle giornate di sabato 17 e di mercoledì 21 dicembre, giorno del solstizio d’inverno, verrà ricordata la fondazione di Augusta Praetoria, avvenuta nel 25 a.C. per volere dell'imperatore Ottaviano Augusto.

La città romana fu volutamente orientata al solstizio d'inverno, 2.047 anni fa: l'ipotesi, scaturita da una scoperta archeologica avvenuta nel 2012 presso la Torre dei Balivi, è stata successivamente avvalorata da un importante studio archeoastronomico seguito da ulteriori pubblicazioni e confronti.

Per celebrare questa ricorrenza, in collaborazione con la Société Valdôtaine de Préhistoire et Archéologie e con il Comune di Aosta, la Soprintendenza regionale per i Beni e le Attività culturali ha predisposto un programma di divulgazione scientifica sviluppato su due giorni.

I lavori inizieranno sabato 17 dicembre con una tavola rotonda aperta al pubblico dal titolo Aosta e le altre. Fondazioni tra cielo e terra che avrà luogo, col patrocinio del Comune di Aosta, presso il Salone ducale del Municipio a partire dalle ore 9.30.

Ideata e sviluppata in sinergia con la Société Valdôtaine de Préhistoire et Archéologie, sarà questa un’interessante occasione per approfondire non solo la tematica delle fondazioni di età romana astronomicamente orientate, ma anche per riflettere sui profondi valori storico-culturali di momenti astronomici nodali come i solstizi.

Prenotazione obbligatoria a partire da lunedì 12 dicembre telefonando ai numeri 0165 274327 e 274367 (lun-ven, 14-16,30).

La mattinata di mercoledì 21 dicembre vedrà protagoniste le scuole primarie di Cogne, Jovençan, Arvier, Rhêmes-Saint-Georges, Valgrisenche e Valsavarenche con Aosta tra le stelle, un’attività dedicata al solstizio d’inverno e alla fondazione della città appositamente pensata per loro da Alice Venturella, consulente didattico per l’outdoor education, membro del GREEN-LEAF Groupe de Recherche en Education à l'Environnement et à la Nature - Laboratorio di Ecologia Affettiva dell’Université de la Vallée d'Aoste, da Stella Bertarione, archeologa della Soprintendenza per i Beni e le Attività culturali e da Guido Cossard, fisico, presidente dell'Associazione di ricerche e studi di archeoastronomia valdostana.

L’appuntamento, come ogni anno, sarà in Croce di Città a partire dalle ore 10.30 dove tutti, insieme alla scuole coinvolte, potranno partecipare a un’osservazione guidata del fenomeno solare che, meteo permettendo, si verificherà tra le 10.48 e le 10.50.

Nel pomeriggio il MAR-Museo Archeologico Regionale apre le sue porte a tutti con l’attività dal titolo La mia città compie 2047 anni! rivolta a famiglie e bambini dai 6 ai 12 anni per festeggiare il 2047mo compleanno di Augusta Praetoria con la scoperta di tradizioni e curiosità legate alle sue modalità di fondazione.

Prenotazione obbligatoria al numero 348 89998866 o scrivendo a museiaosta@gmail.com

Come nelle passate edizioni, i cittadini potranno partecipare alla celebrazione attraverso le piattaforme social condividendo immagini del sorgere del Sole tra il 21 e il 23 dicembre ad Aosta e immediati dintorni, scrivendo #Aosta2047 e #SolstiziodInverno2022.

Anche quest’anno - evidenzia Jean-Pierre Guichardaz - abbiamo voluto celebrare la nascita della nostra città, avvenuta 2047 anni orsono in un momento di dialogo tra cielo e terra che, da sempre, porta con sé l’idea del rinascere e del rinnovarsi. Grazie alla stretta collaborazione con la Société Valdôtaine de Préhistoire et Archéologie siamo riusciti a predisporre interessanti iniziative di divulgazione, condivisione e partecipazione aperte a tutti con l’obiettivo di consolidare il senso di appartenenza e di rafforzare il dialogo tra la comunità, il territorio e la città nel segno di un evento astronomico dalle straordinarie ricadute storiche e culturali.”

“Il compleanno è solitamente occasione di bilancio e riflessione intorno al futuro e allo sviluppo della nostra città – sottolinea Samuele Tedesco, Assessore alla cultura, all’istruzione e alle politiche giovanili del Comune di Aosta – Pensieri e narrazioni che ci inducono a guardare verso il cielo e a riflettere su significati storico culturali che interessano la nostra stessa identità. In questa occasione Aosta parte dal suo passato per aprirsi al mondo come una vera città plurale, titolo del dossier di candidatura a Città Capitale Italiana della Cultura 2025, data in cui si celebrerà il 2050° compleanno della città”.

Esprime soddisfazione anche la presidente della Société Valdôtaine de Préhistoire et Archéologie, Stella Bertarione, che sottolinea “l’importanza delle associazioni culturali attive sul territorio in quanto enti operativi in grado di potenziare e amplificare le iniziative promosse dall’Amministrazione favorendone la condivisione e la partecipazione”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-12-2022 alle 12:15 sul giornale del 12 dicembre 2022 - 26 letture

In questo articolo si parla di attualità, valle d'aosta, comunicato stampa, Regione Autonoma Valle d'Aosta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dHN7





qrcode