Gignod, 4,3 milioni per il completamento della Maison Caravex

1' di lettura 18/10/2022 - Approvato lo studio di fattibilità tecnico economica degli interventi di completamento di Maison Caravex, a Gignod, da destinare a deposito per la Soprintendenza regionale ai Beni e alle Attività culturali

Gli Assessorati delle Finanze, Innovazione, Opere pubbliche e del Territorio e dei Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio comunicano che la Giunta regionale ieri ha approvato lo studio di fattibilità tecnico-economica per gli interventi di completamento dell’immobile “Maison Caravex” nel comune di Gignod. “Riavviamo un iter interrotto nel 2007, da quasi 15 anni, - evidenzia l’Assessore Carlo Marzi - per completare i lavori e rendere finalmente fruibile l’edificio. Con i passaggi successivi sarà possibile stralciare anche questo immobile dall'elenco delle opere incompiute, come già accaduto con la riattivazione delle opere dell’Aerostazione dell’Aeroporto Corrado Gex, in modo che la nostra regione non compaia più nell'elenco-anagrafe delle opere incompiute tenuto dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili”.

“La definitiva destinazione di Maison Caravex – sottoliena l’Assessore Jean-Pierre Guichardaz - consentirà di dare una risposta alla sempre più pressante esigenza della Soprintendenza ai beni e alle attività culturali della Regione di trovare spazi per il deposito e lo studio delle numerose opere d’arte possedute”. Il progetto di fattibilità tecnica ed economica per il completamento dei lavori nella struttura di nuova realizzazione inserita nell’area Maison Caravex, da adibire a deposito per le opere della soprintendenza regionale, prevede un importo dei lavori stimato in circa 4,3 milioni di euro. Con successiva deliberazione della Giunta regionale saranno definite le procedure per la stesura del nuovo accordo di programma da sottoscrivere tra la Regione ed il comune di Gignod.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2022 alle 18:28 sul giornale del 19 ottobre 2022 - 18 letture

In questo articolo si parla di attualità, valle d'aosta, comunicato stampa, Regione Autonoma Valle d'Aosta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dwQD





qrcode