Rigenerazione dei borghi, avviato confronto con il ministero sul progetto pilota ‘Arvier Agile’

2' di lettura 07/05/2022 - Il Presidente della Regione Valle d’Aosta e l’Assessore ai Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio esprimono soddisfazione per il positivo e proficuo avvio del confronto con il Ministero della cultura (Mic) riguardante l’implementazione del progetto ‘Arvier Agile’, individuato dalla Giunta regionale nel quadro del finanziamento di 20 milioni di euro del PNRR per la rigenerazione culturale, sociale ed economica dei borghi.

Nel corso di un recente incontro convocato dal Comitato tecnico per la verifica dei 21 Progetti pilota, cui hanno partecipato i rappresentanti della Regione Valle d’Aosta (presenti tra gli altri l’Assessore ai Beni culturali, Turismo, Sport e Commercio, il Segretario generale e il Coordinatore del Dipartimento Soprintendenza per i beni e le attività culturali) e del Comune di Arvier (Sindaco, Vicesindaco e Segretari comunali), è infatti emerso un giudizio positivo della proposta progettuale valdostana da parte dei rappresentanti ministeriali. In particolare, è stato evidenziato come i due nuclei urbani storici collegati lungo la viabilità del comune di Arvier soddisfino i requisiti delle Linee di indirizzo e come la proposta progettuale abbia un affinamento metodologico notevole e presenti in partenza un’analisi accurata del contesto, sia dal punto di vista demografico sia sociale ed economico.

Il progetto risulterebbe ben allineato ed integrato con le altre misure del PNRR, del FESR e di strategie regionali e il partenariato proposto è stato giudicato ampio e di valore. La strategia è stata inoltre valutata di ampio respiro e il Comune è risultato essere molto interessante, soprattutto per la ricchezza delle frazioni coinvolte che si legano mediante le attività proposte. L’attenta e accurata analisi svolta dal Mic, da cui emerge una sostanziale adesione alle scelte progettuali e all’orientamento espresso dalla Giunta regionale, rappresenta - secondo il Presidente della Regione e l’Assessore ai Beni culturali - un elemento importante a sostegno delle tesi sostenute dall'amministrazione regionale nel giudizio promosso al Tribunale amministrativo regionale dal Comune di Bard. Il Mic ha peraltro confermato che il mancato rispetto dei tempi per la definizione della proposta progettuale utile all’emanazione del decreto ministeriale di concessione dei finanziamenti entro fine maggio 2022 determinerebbe la perdita delle risorse che saranno allocate a favore di altri enti territoriali non valdostani su altre linee di intervento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2022 alle 17:41 sul giornale del 09 maggio 2022 - 124 letture

In questo articolo si parla di attualità, valle d'aosta, comunicato stampa, Regione Autonoma Valle d'Aosta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c6lP





logoEV