Approvata introduzione test genomico per patologia mammaria neoplastica istologicamente diagnosticata nei livelli essenziali di assistenza aggiuntivi regionali

nastro rosa|tumore al seno| 2' di lettura 27/04/2021 - L’Assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali informa che, nella seduta di Giunta di lunedì 26 aprile 2021, il Governo regionale ha approvato l’introduzione del test genomico per patologia mammaria neoplastica istologicamente diagnosticata nei livelli essenziali di assistenza aggiuntivi regionali di cui all’allegato D alla DGR 1241/2019.

Il test genomico sarà erogato gratuitamente alle assistite residenti in Valle d’Aosta con tumore della mammella in stadio precoce, con positività dei recettori per gli estrogeni ed il progesterone, e negatività della proteina c-erbB2, le cui caratteristiche indicano tumori in cui il beneficio dell’aggiunta della chemioterapia alla terapia endocrina adiuvante è incerto.

Il test genomico – spiega l’Assessore Roberto Alessandro Barmasse – permette, a fronte di una stima di 20 pazienti in dodici mesi con caratteristiche di rischio clinico intermedio da sottoporre al test medesimo, di evitare il trattamento di chemioterapia “adiuvante” o post operatorio per il 70-80% di queste con innegabili vantaggi dal punto di vista della protezione della salute della donna per risparmio della tossicità che i farmaci chemioterapici comportano, dell’aspetto psico-emotivo conseguente alla conservazione dei capelli e delle sopracciglia, della qualità di vita familiare e sociale oltre alla capacità lavorativa. Sono escluse dall’esecuzione del test le pazienti a basso e ad alto rischio clinico, casi nei quali il test non modifica l’indicazione terapeutica.

La deliberazione della Giunta regionale introduce il test genomico nel tariffario regionale delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoria con il codice 91.30.6 “Test genomico per patologia mammaria neoplastica istologicamente diagnosticata” e con la relativa tariffa, fissata in 2 milioni 300 mila euro. La spesa per 20 pazienti all’anno candidabili all’esecuzione del test è pari euro 46 milioni di euro a fronte di un risparmio stimato in termini di trattamenti chemioterapici non erogati sei volte superiore.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-04-2021 alle 11:53 sul giornale del 28 aprile 2021 - 120 letture

In questo articolo si parla di attualità, nastro rosa, tumore al seno, valle d'aosta, comunicato stampa, Regione Autonoma Valle d'Aosta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bZFt